Immobiliare: fra contraddizioni e ripresa

Il mercato degli immobili è uno specchio fedele di cosa succede in un paese. Cosa rivela il mondo delle compravendite a Padova? Partiamo da due elementi: l’offerta di immobili è molto buona e i prezzi hanno subito un fisiologico ridimensionamento. Le condizioni ci sono tutte per procedere all’acquisto. Ma è proprio qui che si annida la contraddizione: il desiderio di casa è sempre molto forte, ma è frenato da timori, attese, temporeggiamenti. Oggi come oggi, tuttavia, possiamo con molta serenità dichiarare finito il fenomeno che molti hanno chiamato bolla immobiliare. Il risultato è che il valore degli immobili è tornato a livelli ragionevoli, dove sono qualità oggettive – vivibilità, pregio architettonico, servizi – a decidere il prezzo. Aspettare che il costo di un immobile scenda ancora può essere rischioso. Ovviamente, è giusto sottolinearlo, sto parlando di edifici di qualità, con caratteristiche costruttive eccellenti. Ed è per questo che la selezione di case e appartamenti che compiamo in agenzia è molto importante: non si tratta di gusti personali, ma di effettiva ricettività di quel immobile nel mercato. Solo così si crea un circolo virtuoso fra domanda e offerta. Solo così c’è ripresa.

Scarica il documento Corriere Veneto

Compravendite: servono ancora i mediatori immobiliari?

Esistono molti strumenti per comprare o vendere casa in completa autonomia: siti di annunci, bacheche, portali o anche il vecchio passa parola. Del resto, è sufficiente che i requisiti della casa che cerco corrispondano ai miei desideri, il costo rientri nel mio budget e il gioco è fatto. Dall’altra parte, c’è un venditore che ha necessità di vendere il suo immobile e ricavarne un guadagno congruo. Fra le parti ci sarà quindi una trattativa, fatta di proposte e offerte. Questa è una dinamica comune, nella quale ci troviamo quando acquistiamo da un privato un qualsiasi bene di consumo. Perché allora rivolgersi a un professionista nel caso di un immobile? Perché è necessario un arbitro fra le parti? La ragione è semplice. Perché oltre al valore economico della compravendita, ci sono aspetti amministrativi, edilizi, fiscali e commerciali che devono essere presi in considerazione per assicurare la reciproca convenienza. Qui è dovere del professionista saper intervenire per garantire la massima trasparenza, e quindi assoluta sicurezza, ai clienti. Questo comporta la capacità di scavare oltre la superficie. E solo così la trattativa diventa un affare, un affare vero, perché mantiene ciò che promette. Ai compratori e ai venditori.

Scarica il documento Corriere Veneto