L’incarico scritto: una garanzia, non un dettaglio

Vendere la propria casa in modo rapido, contenendo il più possibile i costi?
È un desiderio che molti hanno, ma è indispensabile non sottovalutare l’importanza di interpellare un professionista. Quali sono gli elementi che permettono al venditore di tutelare se stesso e il proprio immobile?

Prima di tutto, quando si contatta un’agenzia immobiliare, è indispensabile verificare che il professionista con cui ci si interfaccia abbia la titolarità e l’abilitazione a svolgere l’attività di agente immobiliare. Se non è in grado di dimostrare, ad esempio, l’iscrizione al registro imprese della Camera di Commercio è considerato un abusivo.

A dimostrare, ulteriormente, la serietà dell’agente immobiliare è l’incarico scritto proposto al venditore. Sottoscrivendo questo documento, infatti, l’agenzia professionale deve sentirsi tenuta a:
• svolgere le dovute verifiche relative all’immobile
• raccogliere e analizzare tutta la documentazione necessaria
• pianificare e realizzare un’attività idonea di promozione dell’immobile
• confezionare dei report per il cliente sull’andamento dell’attività di proposta del suo immobile.

Questa procedura non deve essere percepita come un vincolo da parte del venditore, ma come garanzia e dimostrazione di trasparenza, responsabilità e professionalità da parte dell’agenzia immobiliare a cui ci si affida.

 

Scarica il documento 20170702 CORRIERE VENETO ED. PADOVA